Arrivano in Italia i tutor per risparmiare sulle bollette

di Daniele Pace Commenta

 L’Europa si mobilita per far risparmiare i propri cittadini, e così arrivano i tutor, grazie ad un progetto europeo chiamato Assist, in collaborazione con vari enti, tra cui associazioni di consumatori, scuole, Comuni, enti di assistenza sociale, piccole aziende, Acquirente Unico, Ricerca sul sistema energetico (Rse) e Aisfor. Per il momento sono 100, ma altri ne verranno assunti, per aiutare soprattutto le famiglie povere, ovvero circa 9 milioni di persone, che hanno problemi a pagare le bollette di luce e gas.

I tutor

Con il progetto dei tutor, i cittadini potranno essere informati, guidato e assistiti sull’utilizzo degli elettrodomestici, o nell’isolamento delle finestre. Questi sono solo due esempi, ma l’aiuto più consistente sarà quello che riguarda l’ottenimento dei bonus energia, così ancora poco conosciuti.

Il bonus può essere chiesto dalle famiglie con un Isee inferiore a 8.107 euro, o a 20.000 per tre figli a carico. Lo sconto può arrivare a 161 euro all’anno sull’elettricità e a 217 sul gas.
I tutor potranno seguire i cittadini nella modulistica che va compilata ogni anno. Per questa figura era previsto un emendamento per renderli automatici, però è rimasto nei cassetti del Consiglio dei Ministri. Al progetto europeo partecipano il Belgio, la Finlandia, la Polonia, il Regno Unito e la Spagna.