Quali sono le tasse da pagare quando si compra una casa

di Sofia Martini Commenta

La questione delle tasse è molto dissimile a livello fiscale a seconda che si stia comperando una prima casa o una seconda casa,

In Italia è previsto che quando si acquista o si vende una casa, sia l’acquirente, sia il venditore è tenuto al pagamento di alcune tasse. La Legge di Stabilità finanziaria 2014, ossia la legge 104 / 2013, ha cambiato però riguardo al passato le aliquote e le spese da pagare da parte di chi acquista la casa in oggetto.

Mercato immobiliare, ancora in calo i prezzo nei luoghi di vacanza

Coloro che acquistano, infatti, dal punto di vista fiscale, hanno di regola più adempimenti riguardo a coloro che vendono. La questione delle imposte, inoltre, è molto dissimile a livello fiscale a seconda che si stia comperando una prima casa o una seconda casa, e la si comperi da un privato o da una impresa costruttrice. Ecco pertanto i dati delle aliquote e degli importi aggiornati al 1 gennaio 2014.

Chi compera una prima casa da un privato sarà tenuto a pagare le seguenti imposte:

  • 2% di imposta di registro
  • 50 euro di imposta ipotecaria
  • 50 euro di imposta catastale.

Chi compera una prima casa da una impresa costruttrice sarà tenuto a pagare invece le seguenti tasse:

  • 200 euro di imposta di registro
  • 200 euro di imposta ipotecaria
  • 200 euro di imposta catastale
  • 4% di IVA.

Chi invece compera una seconda casa da un privato sarà tenuto a pagare le seguenti tasse:

  • 9% di imposta di registro
  • 50 euro di imposta ipotecaria
  • 50 euro di imposta catastale.

Colui che acquista una seconda casa da una impresa costruttrice sarà tenuto al pagamento delle seguenti tasse:

  • 200 euro di imposta di registro
  • 200 euro di imposta ipotecaria
  • 200 euro di imposta catastale
  • 10% di IVA