Programmaguidattiva Radar: investi con Poste Vita!

di Moreno Commenta

Poste Italiane, attraverso il braccio “armato” di Poste Vita, lancia Radar, “il primo investimento che segue a vista i vostri risparmi”. In sostanza, Programmaguidattiva Radar (questo il suo vero nome) è un prodotto finanziario-assicurativo caratterizzato da una gestione attiva degli investimenti che vuole provare a farvi cogliere le migliori opportunità offerte dai principali mercati finanziari. Programmaguidattiva Radar è un prodotto Unit Linked a capitale garantito che offre redditività e sicurezza. Le sue principali caratteristiche sono: una gestione attiva del risparmio attraverso un’ampia gamma di mercati e strumenti finanziari; la restituzione del capitale a scadenza, garantito al 100% da Poste Vita; la flessibilità di sapere che l’eventuale riscatto totale anticipato non è soggetto a costi e la trasparenza della pubblicazione giornaliera su Il Sole 24 Ore. Il tutto, garantito da uno dei principali attori della finanza mondiale: Barclays Bank è stata infatti scelta come gestore.

Programmaguidattiva Radar ha una durata di circa 7 anni e può essere sottoscritto con un investimento minimo di 1.500 euro. Il capitale ivi depositato viene convertito in azioni del Fondo Radar, gestito in modo attivo giorno dopo giorno da Barclays. Il fondo prevede l’investimento in due componenti: una legata ai mercati finanziari, un’altra rappresentata da BTP.

Il gestore opererà sui mercati internazionali utilizzando i principali strumenti di investimento, quindi azioni, obbligazioni, strumenti del mercato monetario e affini. Il tutto, però, senza perdere mai di vista l’impegno alla restituzione del capitale a scadenza. La gestione attiva è amministrata da esperti. Con un semplice calcolo è possibile controllare il valore del vostro investimento: basta moltiplicare valore unitario dell’azione per il numero di azioni possedute. Inoltre è previsto il riscatto totale al valore corrente dell’azione e i beneficiari dell’investimento possono essere modificati in qualsiasi momento. Nel caso di premorienza dell’Assicurato, nell’ipotesi in cui il controvalore fosse inferiore al premio versato, sarebbe Poste Vita a corrispondere al beneficiario il premio versato, maggiorato in caso di decesso da incidente stradale.