Prestiti per i nuovi assunti con le vecchie condizioni – Unicredit

di Sofia Martini Commenta

Unicredit propone prestiti per i nuovi assunti con il contratto a tutele crescenti ma lascia invariate le condizioni. Ecco perché conviene.

Quello che dice il Governo è che con la diffusione del contratto a tutele crescenti c’è la possibilità di dare stabilità ai cittadini lavoratori e all’economia in generale. Qualsiasi critica si possa muovere al Jobs Act resta il fatto che avere in tasca un contratto a tutele crescenti, per gli istituti di credito, rappresenta una garanzia. 

Tutti i nuovi assunti con il contratto a tutele crescenti che è stato introdotto dal Jobs Act hanno una nuova garanzia da spendere con istituti di credito e finanziarie. Nella richiesta di prestiti e mutui adesso, saranno più affidabili. Per questo Unicredit ha già annunciato che considera questa formula contrattuale equiparata al vecchio contratto a tempo indeterminato sia per la valutazione creditizia sia per l’offerta commerciale cui potranno accedere i nuovi assunti.

> Acquistare casa presso la banca UniCredit in Italia

Il presidente dell’ABI aveva già manifestato il suo ottimismo riguardo la disponibilità delle banche e aveva dichiarato che i neo assunti con un contratto a tutele crescenti, per le richieste di  mutui e prestiti, sarebbero stati accolti di buon grado dagli istituti di credito. Per le banche infatti non conta che sia stata modificata la disciplina del licenziamento ma conta che le domande di finanziamento arrivino d persone che adesso hanno un contratto stabile.

Unicredit ad ogni modo ha sempre cercato di valorizzare la continuità lavorativa indipendentemente dalla tipologia di contratto e dalla dimensione aziendale, e la scelta conferma il loro impegno a supporto delle necessità finanziarie dei privati e delle famiglie. Ci si aspetta ora che altre banche che operano nel nostro paese, piccole o grandi che siano, seguano l’esempio di Unicredit. Sarà più facile così accelerare la concessione di presti finalizzati, veloci, prestiti delega, prestiti fiduciari e tanto altro ancora.