Polizze viaggio, i più assicurati sono gli inglesi

di Sofia Martini Commenta

Polizze viaggio, i più assicurati sono gli inglesi e tra i meno assicurati ci sono gli italiani. Il report che fa pensare

In Europa c’è chi muovendosi molto per lavoro o per spasso al di fuori dai confini del proprio Paese, ha sempre la necessità di sentirsi al sicuro. Una polizza viaggio è quello che serve. Gli inglesi ne approfittano sempre mentre tra i popoli meno assicurati durante i viaggi ci sono anche gli italiani. 

Lo studio “Travel Insurance and Assistance in Europe” ha analizzato il mercato dell’assicurazione e assistenza viaggio in venti paesi europei, arrivando alla conclusione che gli inglesi e i norvegesi sono i viaggiatori più prudenti d’Europa perché prima di sottoscrivere un’assicurazione viaggio ci pensano e non partono mai senza aver scelto la copertura più adatta.

> 3 soluzioni assicurative per gli studenti in viaggio

A spendere di più per l’assicurazione viaggio sono stati i cittadini del Regno Unito: lo scorso anno i premi versati dai viaggiatori inglesi sono stati più del doppio di quelli pagati da quelli tedeschi. Il Regno Unito rappresentava un terzo del mercato europeo dell’assicurazione viaggio e ha registrato sia l’aumento della popolazione che la frequenza dei viaggi che i cittadini inglesi fanno all’estero. La conseguenza è stato l’incremento delle polizze viaggio.

Tendenze analoghe a quella inglese si trovano anche in Germania dove il valore del mercato è più basso anche perché sono le polizze a costare mediamente meno. Ad un prezzo più basso corrisponde comunque anche una copertura dai rischi più ridotta rispetto alle polizze inglesi.

Assicurazione.it, riportando i dati del report chiosa così:

In termini di crescita del valore complessivo del mercato dell’assicurazione e assistenza viaggio, Polonia, Norvegia, Romania e Turchia sono i paesi che sono cresciuti più rapidamente tra il 2010 e il 2014, con un tasso di crescita annuale composto dei premi lordi versati dai viaggiatori rispettivamente del 9,0%, 7,2%, 6,6% e 5,4%. Al contrario, tra i cittadini europei che hanno speso meno per assicurarsi vi sono quelli residenti nella Repubblica Ceca, in Italia e nei Paesi Bassi.