Polizza Rc Auto, nuova nota informativa sul ramo danni

di Sofia Martini Commenta

Sulla base dei nuovi schemi promossi dall'IVASS appare più scarna. E' ora di sole tre pagine per la RC auto e di cinque pagine per un prodotto RC auto che contempla coperture assicurazione auto non obbligatorie.

Polizza Auto: si alla semplicità. Capita sovente di rivolgersi presso una compagnia assicurativa e chiedere chiarimenti sui contratti che andranno stipulati, a seguito di una scarsa comprensione durante le prime letture del documento.

prestito-auto-cessione-quinto-150x150

Per sopperire al problema, l’IVASS ha pubblicato una nuova nota informativa concernente il ramo danni. I riferimenti alla Polizza Rc Auto sono molteplici: essa, in primo luogo, dovrà essere consegnata agli assicurati prima della sottoscrizione della polizza.

La nuova nota informativa, frutto del lungo confronto con il tavolo tecnico presieduto da AIBA e composto da ANIA, ACB, UNAPASS, SNA, dalle Associazioni dei consumatori e da alcune compagnie assicurative, è un documento semplice e leggero. In esso sono riportate le sole informazioni essenziali al fine di comprendere il prodotto e per confrontare le diverse offerte del mercato.

Le principali caratteristiche della nuova nota informativa sono:

  • forma standardizzata, linguaggio semplice e grafica accattivante;

  • informazioni chiave sulle peculiarità del prodotto, presentate sotto forma di risposta a domande;

  • nessun rinvio alle condizioni di polizza e ai riferimenti normativi, se non strettamente necessario.

Sulla base dei nuovi schemi, la nota informativa appare più scarna. E’ ora di sole tre pagine per la RC auto e di cinque pagine per un prodotto RC auto che contempla coperture assicurazione auto non obbligatorie.

In particolar modo la nuova nota informativa della RC auto include spiegazioni chiare e dettagliate sul tipo di polizza, sulla sua durata, sulla modalità di pagamento dei premi, sui rischi che copre e, viceversa, su ciò che non copre e, infine, sulle altre garanzie eventualmente attivabili. In più ci sono due piccoli ma utili vademecum su cosa fare in caso di sinistro e come presentare reclami, oltre a tutti gli estremi per contattare la propria compagnia (telefono, sito web, email, PEC, ecc.).