Polizza auto scaduta, cosa fare?

di Sofia Martini Commenta

Rinnovare o cambiare? Il dilemma dei consumatori.

Polizza auto scaduta, cosa fare? Conviene rinnovare o cambiare compagnia e tariffe? E’ questo uno dei dilemmi maggiori per i consumatori. La risposta è connessa a numerosi fatori.

C’è chi si affida ad una sola compagnia, con la quale rinnova per molti anni la propria polizza senza badare ai prezzi offerti da altre assicurazioni. C’è chi, per pigrizia o per supponenza, non naviga su internet alla ricerca di nuovi partner e perde i vantaggi offerti da sconti sulle polizze online. Infine, c’è chi è al corrente dei risparmi che si possono ottenere aspettando la scadenza del contratto e confrontando i preventivi online.

Al giorno d’oggi vi sono compagnie che destinano ai vecchi clienti sconti di fidelizzazione in caso di rinnovo, ma i tagli più evidenti sulla polizza Rc auto li ottengono sempre i nuovi clienti. Perché avviene questo? Da quando le assicurazioni online hanno rivoluzionato il comparto, diminuendo al minimo i costi di gestione e proponendo polizze scontate, il mercato è diventato più competitivo, le promozioni sono più frequenti e le imprese fanno a gara per accaparrare nuovi assicurati. Le offerte migliori attualmente, sono quelle riservate alle famiglie e alle persone che assicurano più veicoli con la stessa compagnia in qualità di nuovi clienti. Lo sprint alla concorrenza è stato fornito dall’abolizione del tacito rinnovo sulla polizza Rca.

Fino a pochi anni fa, a polizza auto scaduta, fra rinnovare o cambiare aveva la meglio la prima opzione. Vigeva allora il rinnovo automatico dell’assicurazione, che lasciava poca scelta agli automobilisti. Questi ultimi, alle prese con i problemi della vita quotidiana, non trovavano né il tempo né l’interesse per cercare assicurazioni più economiche. Chi a quel tempo era stanco di pagare troppo l’Rca, doveva presentare formale disdetta del contratto inviando una raccomandata a/r alla compagnia, contenente la domanda di estinzione. Il risvolto negativo, era anche l’applicazione di penali di recesso.

Da due anni a questa parte invece, stante l’abolizione del tacito rinnovo Rca, a meno che l’assicurato non desideri rinnovare con la stessa impresa, non è tenuto a comunicare alcunché. La validità della polizza infatti si estinguerà col termine previsto dal contratto, e l’automobilista sarà libero di cercare l’Rc auto più conveniente.