Nuove carte prepagate per le imprese

di Roberto Commenta

carte_di_credito_carta_prepagata_banca-150x150Le carte prepagate erano, fino a poco tempo, una sorta di “esclusiva” per privati e famiglie. Unicredit ha invece appena lanciato la Unicreditcard Business Easy, una nuova carta prepagata nominativa predisposta appositamente per le aziende, e ideata per permettere alle imprese di dotare i propri dipendenti e i propri collaboratori di uno strumento di pagamento prepagato e ricaricabile. Vediamone insieme le principali caratteristiche.

Attraverso la Unicreditcard Business Easy è possibile disporre di un massimale di spesa (ricaricata) fino a 10 mila euro. Particolarmente economiche le condizioni: il costo di emissione è di 5 euro, ed identico è il costo di gestione annuale. La carta ha una validità di tre anni ed è ricaricabile in “tempo reale” tramite il servizio di Banca Multicanale per Azienda o Uniweb per i clienti che hanno aderito al servizio (vedi anche la situazione delle carte clonate all’estero).

Per quanto attiene i suoi fondamentali vantaggi, l’istituto ricorda come la carta consente una gestione più semplice e un maggiore controllo delle spese effettuate dai dipendenti e collaboratori per conto dell’azienda. Tra i tanti benefit, propone la possibilità di prelevare presso tutti gli sportelli automatici (ATM) e le Agenzie UniCredit o presso qualsiasi sportello automatico (ATM) convenzionato MasterCard in Italia e all’estero, ed effettuare acquisti in oltre 28 milioni di esercizi commerciali convenzionati MasterCard in Italia e nel mondo e in tutti i siti Internet che accettano il circuito MasterCard.

Evidenti anche i vantaggi per l’impresa, che potrà avere il controllo della spesa tramite un monitoraggio delle operazioni realizzate grazie al servizio di Banca Multicanale per Azienda o Uniweb per i clienti che hanno aderito al servizio, e gestire la disponibilità delle singole carte, personalizzandone il limite di utilizzo. Per il dipendente i suoi collaboratori, il vantaggio sarà quello di evitare di anticipare personalmente eventuali spese aziendali o di trasferta, oltre a ridurre i rischi legati all’utilizzo del contante e semplificare gli oneri amministrativi relativi alla gestione della nota spese.