Mutuo con contratto a tempo determinato

di Roberto Commenta

soldiOttenere un mutuo con un contratto a tempo determinato è molto difficile e, in alcuni casi, impossibile. A dichiararlo è stato, negli ultimi giorni, Roberto Anedda, direttore marketing di Mutuionline.it. Ma è davvero così difficile poter entrare in possesso di un mutuo casa senza avere un contratto a tempo indeterminato, sempre più rari nell’attuale contesto lavorativo? Cerchiamo di saperne di più, verificando quale sia la situazione odierna dei mutui casa per i lavoratori atipici & co.

Stando a quanto sostiene il direttore, le richieste di mutuo da parte dei giovani che sono titolari di un contratto a tempo determinato sono molto rare, e pari a circa il 3 – 4 per cento del totale. Un segnale piuttosto chiaro di come la sfiducia nei confronti della “generosità” bancaria abbia oramai preso il sopravvento, indicando ai più giovani che la propria richiesta di finanziamento casa andrebbe presumibilmente rifiutata.

Insomma, nella maggior parte dei casi i giovani non richiedono un mutuo perché sanno già che non è ottenibile, o comunque ottenibile per importi non soddisfacenti. E allora cosa succede? “Quello che succede” – prosegue Anedda – “è che ci si fa affiancare dal genitore o dal convivente che invece ha un lavoro a tempo indeterminato, la richiesta di mutuo viene formalmente intestata a lui, entra nel più grande novero dei contratti a tempo indeterminato, che non a causo coprono oltre l’80% delle richieste di mutuo, e in questo modo si riesce ad accedere a un’erogazione di mutuo più probabile e semplice” – per quanto invece concerne l’evoluzione dei tassi, date anche un’occhiata alle previsioni sul tasso Euribor al 2% nel 2017.

Nonostante questa evidente difficoltà, non tutto sembra perduto. Alcune banche conservano ancora la possibilità di poter domandare un mutuo casa con contratto a tempo determinato, legandolo tuttavia al verificarsi di alcune fattispecie concrete piuttosto limitanti: tra le principali, l’aver lavorato almeno 18 mesi negli ultimi 24, ed avere tra le mani un contratto per altri 6, 12 o 24 mesi.