Impossibile contrarre mutui: da Natale comprare casa diventa una chimera. E intanto le truffe abbondano.

di Moreno Commenta

Contrarre un mutuo per pagarsi una casa con scadenza spesso trentennale era fino a qualche tempo fa una croce, inevitabile ma pur sempre pesantissima da portare sulle spalle; ora, con la crisi economica che si preannuncia lunga e di entità tale da superare quella del dopoguerra, è diventato addirittura impossibile accedere ad un prestito per riscattare, anno dopo anno e mattone dopo mattone, un domicilio.  Torna con prepotenza una delle battute ad effetto che ben descrivono la situazione: altro che matrimonio eterno, in tempi di divorzio-facile, l’unico “per sempre” è quello che si viene ad instaurare tra banche e cittadini. A scapito, ovviamente, dei secondi.

A temere fortemente la pessima situazione finanziaria in cui riversano i grandi centri economici, sono in primo luogo le banche: rispetto a qualche mese fa, infatti, è già evidente la difficoltà nell’accedere ad un mutuo per la maggiore rigidità dei parametri con cui le banche concedono l’accesso al mutuo. Non lascia ben sperare neppure il bollettino emanato dalla Bce, secondo cui la situazione andrà a peggiorare nell’arco dei prossimi mesi. Già da dicembre si prevede un ulteriore rigidità da parte dei crediti con speculare incremento delle difficoltà – da parte delle famiglie – a sostenere il futuro.
Natale, quest’anno non porterà doni e regali, piuttosto austerità e rigore. Lo ha ribadito anche il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, proprio quando il Governo si è impegnato a sostenere le famiglie con aiuti economici importanti.
Stando ai dati riportati dalla Bce, nel terzo trimestre dell’anno, è cresciuta sufficientemente passando dal 30% al 36% (+6%) la percentuale di banche che ha intensificato, rendendoli ancor più rigidi, i criteri relativi alla concessione di mutui ai nuclei familiari.
Sulla scia di tali valori, è ancor più pessimistica la previsione dell’ultimo trimestre – quello ancora in corso – che prevede un ulteriore incremento fino a soglie del 50%: inutile ricordare che a dar credito alla politica di rigidità adottata dalle banche incidono le aspettative rispetto all’andamento del mercato degli immobili.
In un tale contesto, ha vita facile la delinquenza: proprio di queste ore la notizia di una truffa ai danni di almeno 650 persone da parte di una banda organizzata che si spacciava per i fidatari di una banca inglese, promettendo mutui a chi non riusciva ad ottenerli da banche vere. Un giro di affari certificato di 2.5 milioni di euro, sventato grazie alla denuncia di una coppia di San Benedetto del Tronto che ci aveva rimesso, fino ad ora, “solo” 7 mila 500 euro.