L’andamento del prezzo degli immobili nuovi e esistenti nel 2014

di Sofia Martini Commenta

A svalutarsi in maniera più consistente sono stati gli immobili di costruzione meno recente, ma anche il nuovo ha subito delle variazioni a ribasso.

494314507Il prezzo degli immobili italiani negli ultimi anni è cambiato in maniera differente a seconda che si tratti di case di nuova costruzione o di case già esistenti. Una indagine compiuta dall’ Istat ha confermato questa variazione attraverso le sue rilevazioni trimestrali, relative ai prezzi degli immobili acquistati. A svalutarsi in maniera più consistente sono stati gli immobili di costruzione meno recente, che sono arrivati a segnare il valore di 84 punti rispetto all’ indice – nel 2010 questo valore era pari a 100 – nel corso del secondo trimestre del 2014.

Incremento nelle vendite degli immobili commerciali secondo l’Istat

Anche l’ indice elle abitazioni nuove, tuttavia, ha cominciato a ridursi a partire dal 2012 e da un valore di oltre 105 punti segnato allora si è passati a poco più di 100 nel terzo trimestre del 2014. Quindi, tirando le somme, si può dire che chi compra una abitazione nuova oggi l’ ha pagata leggermente di più rispetto al prezzo attestato nel 2010, mentre coloro che hanno comprato una casa vecchia l’ hanno pagata un po’  in meno rispetto a quello stesso periodo.

Nuove perizie tecniche e controlli sugli immobili per i mutuatari

Nonostante tutto, quindi, sono numerosi gli immobili nuovi per i quali non sono stati trovati compratori e che sono rimasti invenduti. In quanto a cifre si parla di una diminuzione dell’ 11,4 per cento delle compravendite degli edifici residenziali e una diminuzione del 10,8 per cento in merito agli edifici non residenziali. Nel frattempo sono anche stati rilasciati meno permessi ad edificare e il numero degli alloggi nuovi costruiti è rimasto sensibilmente sotto la soglia delle 14 mila unità, sia nel corso del primo che nel corso del secondo semestre del 2014. È scesa infine anche la metratura degli immobili.