In crescita i prestiti coperti da assicurazione nel 2013

di Sofia Martini Commenta

154141152Nel corso del 2013, all’interno del mondo del credito, è stato possibile registrare un interessante fenomeno. Sono andati via via aumentando i prestiti coperti da assicurazioni, cioè i finanziamenti per i quali i clienti hanno contestualmente acquistato anche una assicurazione per la protezione del credito. 

Le caratteristiche delle polizze di protezione del credito – CPI

Le polizze per la protezione del credito – o polizze CPI, infatti, sono oggi diventate molto più diffuse che in passato e in tempi di crisi e di riduzione dei redditi a disposizione sono uno strumento spesso scelto dalle famiglie per far fronte ad eventuali imprevisti nella restituzione del credito.

Le polizze CPI di protezione del credito di Agos Ducato

A rilevare questa situazione è l’Osservatorio di SuperMoney.it, noto sito di comparazione di prodotti finanziari e di soluzioni per il credito al consumo. Secondo le ultime statistiche, dunque, nel corso del 2013, da marzo a novembre 2013, il 12 per cento circa degli italiani ha anche scelto un prodotto assicurativo al momento di stipulare un contratto per la concessione di un finanziamento. Il campione preso in esame nel periodo di tempo individuato è stato composto da oltre 130 mila richieste di prestito.

Andando a guardare più nel dettaglio, si scopre inoltre  che la percentuale delle assicurazioni cresce al crescere dell’importo richiesto. Se infatti per i prestiti fino a 10 mila euro si viaggia su percentuali del 9 per cento, per i prestiti con importo superiore ai 25 mila euro si supera il 15 per cento.

Dal punto di vista geografico, inoltre, la regione più prudente in fatto di credito è il Molise, quella meno prudente è la Basilicata.