In calo i prestiti alle famiglie ad ottobre 2013 secondo Bankitalia

di Sofia Martini Commenta

Banca_dItalia logoLa Banca d’Italia ha recentemente rilasciato i dati definitivi dell’andamento dei prodotti bancari e finanziari nel mese di ottobre 2013. Tra questi spicca il dato dei prestiti, che sono stati comunque interessati da un forte calo. > I dati del Rapporto sulla stabilità finanziaria italiana pubblicato da Bankitalia

Secondo le ultime analisi compiute dall’Istituto di via Nazionale, infatti, i prestiti alle famiglie nel mese di ottobre 2013 sono scesi dell’1,3 per cento, almeno su base tendenziale, cioè rispetto ai dodici mesi precedenti, mentre su base congiunturale il calo è stato pari all’1,1 per cento.

> In aumento i tassi di interesse sui prestiti a settembre 2013

I prestiti alle società non finanziarie, invece, nel mese di ottobre 2013 sono diminuiti del 4,9 per cento a livello tendenziale, mentre a livello congiunturale il calo è stato del 4,2 per cento rispetto al mese di settembre. La situazione italiana, quindi, mostra in merito al settore dei prestiti ancora una grande contrazione su base annua, che ha interessato tutto il settore privato ed è stata pari al 3,7 per cento su base annua e pari al 3,5 per cento su base congiunturale.

Per quanto riguarda invece i tassi di interesse, sempre nel mese di ottobre 2013, la Banca d’Italia ha rilevato i seguenti valori:

  • i tassi di interesse dei finanziamenti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,90 per cento
  • i tassi di interesse dei finanziamenti per il credito al consumo sono stati pari a 9,28 per cento.

Su mutui e prestiti, quindi, rispetto al mese di settembre 2013, si è potuta registrare una diminuzione dei tassi di interesse inferiore comunque ad un 1 per cento.