Il bollo sui prodotti finanziari salirà al 2 per mille

di Sofia Martini Commenta

153134460Tutti i prodotti finanziari diventeranno più cari a partire dal 2015. Proprio ieri, infatti, il Consiglio dei Ministri ha licenziato il testo della Legge di Stabilità che nei prossimi giorni verrà discussa dal Parlamento, stabilendo che tutti i prodotti finanziari saranno sottoposti ad un incremento della tassazione prevista. 

Tobin Tax per chi è obbligatoria e l’esenzione dell’Imposta sulle transazioni finanziarie

L’esecutivo ha infatti deciso di rivedere a rialzo l’imposta di bollo che grava su tutti i prodotti finanziari, facendola passare, a partire dal 2015, dall’attuale 1,5 per mille al futuro 2 per mille. Ad essere interessati da questo nuovo rincaro saranno dunque:

  • le azioni
  • le obbligazioni
  • i titoli di stato
  • gli ETF
  • i certificati,
  • i fondi comuni
  • i comparti di sicav
  • le gestioni patrimoniali
  • le polizze vita
  • i depositi bancari
  • i depositi postali.

Decreto Tobin Tax, come si applica la tassa sulle transazioni finanziarie

Ad essere esclusi dal provvedimento saranno invece solo i fondi pensione e i fondi sanitari.

Nei prossimi anni, dunque, i risparmi degli italiani, raccolti sotto diverse forme, potranno rendere meno del passato. Nella definizione della Legge di Stabilità, tuttavia, erano state inizialmente presentate due altre proposte, che poi non hanno trovato conferma nella versione definitiva del testo.

L’esecutivo aveva infatti in prima istanza proposto che venisse innalzata l’aliquota di tassazione delle rendite finanziarie, passando dall’attuale 20% ad un futuro 22%, e quella relativa ai redditi di capitale derivanti da contratti di assicurazione. Le due proposte, tuttavia non hanno poi trovato approvazione.

Se la prima misura fosse passata, però, avrebbero trovato una nuova tassazione solo le plusvalenze di alcuni prodotti finanziari, come azioni, ETF, fondi e comparti di sicav, gestioni patrimoniali e obbligazioni.