Gli effetti dei tassi negativi sui conti correnti

di Sofia Martini Commenta

La rivoluzione di settembre, avviata da un istituto tedesco, potrebbe prendere piede anche in Italia. Come reagiranno i correntisti? Continueranno a considerare questo strumento come un 'salvadanaio'?

C’è chi considera il conto corrente come un “salvadanaio”. Un’abitudine che ha preso piede da tempo. Da quando gli interessi che le banche offrono per questo prodotto finanziario sono davvero ridotti al lumicino.

conto

Tuttavia questa condizione potrebbe peggiorare ulteriormente, e l’idea di pagare la banca affinché custodisca i nostri soldi potrebbe non essere più solo uno timore o una precauzione presa.

A partire da settembre infatti una banca cooperativa bavarese, la Raiffeisenbank Gmund, applicherà ai correntisti privati un tasso di interesse negativo. Che si traduce, praticamente, in un compenso dello 0,40% da pagare se si sceglie di tenere sul conto corrente le somme eccedenti i 100mila euro. Non si tratta, a ben vedere, di una novità assoluta dal momento che molte banche europee esercitano questa pratica con le aziende con grandi tesorerie – tuttavia è la prima volta che i soggetti coinvolti sono i privati cittadini.

Decisioni di questo tipo sono un tentativo, da parte degli istituti bancari, di recuperare i tassi sotto zero imposti dalla BCE: tanto quello sui depositi quanto quello “overnight” – il tasso di rifinanziamento marginale, usato dalla banche che hanno bisogno di soldi per dei brevissimi periodi (una notte, appunto) – sono al -0,4% da marzo 2016. È da due anni che i tassi, per volere di Draghi, scendono, e se questo ha prodotto un abbassamento degli interessi per chi, ad esempio, ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile, chi deposita i soldi in banca non è contento allo stesso modo.

In Italia, fa sapere Abi, non risultano ancora depositi bancari a tasso negativo ma è pur vero che i guadagni si sono ridotti: mediamente l’interesse sui conti correnti è pari allo 0,13% (dati di giugno 2016), mentre quattro anni fa la media era dello 0,52%. Gli esperti ritengono improbabile il verificarsi, nel nostro Paese, diconti correnti con tassi negativi, perché sarebbe troppo forte la spinta a “mettere i soldi sotto il materasso”; più probabile l’ipotesi di una ulteriore contrazione dei rendimenti dei conti deposito.