Genius Card, con UniCredit a Natale sono tutti… buoni

di Moreno Commenta

garfield-regalo“A Natale sono tutti più buoni”, recita l’antico adagio. Niente di più vero, diciamo noi, invitandovi a riflettere sulla vostra esperienza: magari vi è capitato che il Natale abbia ricomposto una frattura che credevate insanabile, o forse avete sperimentato che quella zia petulante ed egoista che avevate poi in realtà tanto malvagia non fosse. Ci rifiutiamo di pensare (sarebbe troppo umiliante per il genere umano…) che a Natale siano tutti più buoni per convenienza, anche se c’è qualcuno che ci invita a riflettere sul fatto che, leggiamo dal sito, “A Natale conviene fare i buoni…”. Il sito in questione è quello di UniCredit, e – sapete – forse tutti i torti non li ha…

Già, perché Genius Card, la proposta di carta-banca (quella particolare carta magnetica che funziona come un conto, con la possibilità di accreditarvi anche lo stipendio pur non prevedendo l’apertura fisica di un C/C) di UniCredit si veste per le Feste da carta “etica”, proponendovi uno scambio di doni: se dal 23 novembre scorso, ma fino al 15 gennaio prossimo, vi recherete presso una qualunque Agenzia del Gruppo UniCredit per effettuare una donazione, minimo 5 €uro, a favore dei progetti AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie, linfomi e mieloma-onlus), Telefono Azzurro e WWF, riceverete un buono in occasione del Natale.

Con questo buono, potrete poi recarvi nuovamente agli sportelli di una qualsiasi Agenzia UniCredit Banca, UniCredit Banca di Roma e Banco di Sicilia, oppure mandarci un vostro amico cui avete intenzione di fare un regalo speciale, e presentando la ricevuta di cui sopra avrete (oppure avrà, l’amico) la possibilità di ritirare una Genius Card senza alcun costo di emissione, a patto che la richiediate entro il 30 settembre del prossimo anno. Le idee geniali sono quelle che sanno prendere due piccioni con una fava: ebbene, con un solo gesto farete qualcosa di utile per la comunità (la donazione), un regalo originale ad un amico (la Genius Card senza costi), mentre UniCredit avrà esteso la propria platea di risparmiatori.