Finanziamento fotovoltaico IWBank a tasso agevolato

di Fil 3

finanziamento_fotovoltaico Chiedere un finanziamento sul fotovoltaico per investire nelle fonti rinnovabili, per le famiglie, può rappresentare un’ottima opportunità di medio e lungo periodo per risparmiare somme non trascurabili sulla bolletta della luce e del gas. Grazie infatti alle tariffe incentivanti proposte in Italia con il “Conto Energia”, c’è la possibilità di sostenere la spesa di installazione di un impianto fotovoltaico, rientrare in tempi brevi dall’investimento, ed avere poi energia pulita gratis per il riscaldamento e gli usi domestici. Per chi non dispone delle somme necessarie per acquistare e far installare l’impianto, esistono sul mercato tanti finanziamenti, più o meno convenienti, che permettono di ottenere subito il “piccolo” capitale che serve, e che si può restituire comodamente a rate. Tra le offerte di finanziamento fotovoltaico più interessanti c’è quella della banca on line IWBank, che offre l’opportunità di stipulare un prestito fino a 50 mila euro e con durata di rimborso fino a 20 anni. Una delle caratteristiche peculiari del finanziamento “IWSun Credit” di IWBank è il tasso di interesse, visto che il tasso annuale nominale (TAN) offerto parte dal 4,67%.

Con IWSun Credit c’è tra l’altro la certezza del tasso fisso, zero spese di incasso rata, e zero spese di istruttoria, con il vantaggio, non indifferente, che per richiedere il finanziamento non vengono richieste garanzie ipotecarie o fideiussorie. In più, in attesa di maturare gli incentivi in “Conto Energia“, IWBank permette di rimborsare il finanziamento fotovoltaico “IWSun Credit” solamente tre mesi dopo la stipula del prestito.

Compresa nella rata mensile del finanziamento, inoltre, c’è la copertura assicurativa sui danni diretti all’impianto fotovoltaico, ma anche l’intervento all’occorrenza di personale tecnico specializzato che si occupa di ottimizzare e verificare il corretto ed efficiente funzionamento dell’impianto di produzione di energia da fonte fotovoltaica.

Commenti (3)

I commenti sono disabilitati.