Finanziamenti matrimonio di Poste Italiane

di Fil 1

Un finanziamento a tasso agevolato per chi ha un figlio, oppure per chi sta programmando il matrimonio. E’ questa, in materia di accesso al credito per le famiglie, l’ultimissima “promo” lanciata dal Gruppo Poste Italiane con il prodotto denominato “Prestito BancoPosta Famiglia“, che quindi ha come finalità anche quella di finanziamento per convolare a nozze. Rispetto al classico Prestito BancoPosta, infatti, il “Prestito BancoPosta Famiglia” presenta delle condizioni ancor più agevolate, per le sottoscrizioni fino e non oltre il 31 luglio 2011, per effetto di un tasso di interesse annuo al 6,90% a fronte di un Taeg massimo del 7,14%. Chi ha avuto un figlio, anche in adozione, e chi punta a sposarsi e non ha la liquidità per farlo, con il “Prestito BancoPosta Famiglia” può ottenere da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 15 mila euro con piano di ammortamento da un minimo di 12 ad un massimo di 84 rate mensili, ovverosia in massimo sette anni.

La rata dei finanziamenti matrimonio di Poste Italiane viene poi addebitata ogni mese direttamente sul conto BancoPosta. Trattandosi di un prodotto agevolato, Poste Italiane offre non solo condizioni di tasso migliori, ma anche zero spese per l’istruttoria, per l’incasso della rata, ed anche per l’invio delle comunicazioni periodiche.

Per chi deve chiedere il prestito con finalità diverse da quelle sopra descritte, fino al prossimo 15 maggio 2011 Poste Italiane, allo stesso modo, ha lanciato una “promo”, quella del “Prestito BancoPosta Zero Spese“, un finanziamento con zero costi su tutta la linea, ma proprio tutta. In particolare, il prodotto offre, innanzitutto, zero spese, oneri o costi per l’istruttoria, per l’incasso della rata e per l’invio delle comunicazioni periodiche. In più, con il prodotto Poste Italiane rimborsa le imposte previste per Legge, così come non applicherà alcuna penale nel caso in cui il sottoscrittore del “Prestito BancoPosta Zero Spese” richieda poi l’estinzione anticipata del finanziamento.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.