Diminuiscono i tassi di interesse dei mutui a dicembre 2013

di Sofia Martini Commenta

Nel mese di dicembre 2013 la Banca d'Italia ha potuto rilevare un leggero calo dei tassi di interesse dei finanziamenti ipotecari, che sono diventati meno costosi.

Banca_dItalia logoAnche per il mese di dicembre 2013 la Banca d’Italia ha rilasciato il suo tradizionale bollettino in cui ha riassunto la situazione generale degli andamenti delle diverse forme di investimento bancario nel mese di dicembre 2013. Nell’ultimo mese dell’anno la situazione è stata in generale ancora abbastanza difficile nel mondo del credito, perché si è potuto rilevare un peggioramento soprattutto sul versante delle sofferenze bancarie.

Prestiti in calo e sofferenze bancarie in aumento a dicembre 2013

I crediti difficili del sistema bancario italiano, infatti, sono continuati ad aumentare su base annua anche nel mese di dicembre 2013, raggiungendo e superando la cifre di 155 miliardi di euro, ma sotto altri fronti la raccolta bancaria ha anche fatto segnare piccoli eventi positivi, se non proprio a livello tendenziale, almeno a livello congiunturale.

Novità per i mutui prima casa da gennaio 2014

Per quanto riguarda ad esempio il mercato dei mutui, nel mese di dicembre 2013 la Banca d’Italia ha potuto rilevare un leggero calo dei tassi di interesse dei finanziamenti. Queste forme di finanziamento, cioè, sono diventate meno costose, e si sono andate a modificare sulla base delle seguenti medie:

  • i tassi di interesse sui finanziamenti ipotecari per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,8 per cento
  • i tassi di interesse relativi invece alle nuove erogazioni di credito al consumo sono stati pari all’8,69 per cento
  • i tassi di interesse sui prestiti alle società non finanziarie di importo inferiore a 1 milione di euro sono stati pari al 4,36 per cento
  • i tassi di interesse sui nuovi prestiti superiori a tale soglia sono stati pari al 2,82 per cento.