Cosa fa la polizza Denaro Protetto di Unicredit

di Sofia Martini Commenta

Per sostenere il reddito in caso di eventi imprevisti esiste la polizza Denaro Protetto di Unicredit un'assicurazione legata alla propria ricchezza.

Per sostenere il reddito in caso di eventi imprevisti esiste la polizza Denaro Protetto di Unicredit che è una forma di assicurazione legata alla propria ricchezza. Anche la ricchezza, esattamente come la casa, la famiglia e la salute, deve essere protetta. 

Unicredit offre numerose soluzioni assicurative per la casa, per la famiglia, per la ricchezza. In quest’ultimo insieme rientra anche Denaro Protetto, la polizza assicurativa che tutela la stabilità economica familiare nel caso si verifichino eventi imprevisti che potrebbero alterarne la situazione finanziaria.

Polizza casa Famiglia Protetta di Unicredit

Denaro Protetto offre:

  • un importo pari al saldo (positivo o negativo) del conto corrente
  • un importo a sostegno del reddito
  • il rimborso delle utenze domiciliate
  • premio mensile fisso e bloccato per tutta la durata contrattuale.

La nuova MyPay di Unicredit libera gli acquisti dei possessori

Denaro Protetto offre le seguenti garanzie:

  • La Copertura del saldo del tuo conto corrente: in caso di decesso o invalidità permanente totale (pari o superiore al 60%) derivanti da infortunio, con Denaro Protetto viene liquidata una somma di denaro, pari al saldo (positivo o negativo) del tuo conto corrente. Il massimo rimborsabile è di 50.000 euro con un minimo di 2.500 euro.
  • Un importo a sostegno del tuo reddito*: in caso di perdita dell’impiego, di inabilità temporanea totale, di ricovero ospedaliero viene liquidato al cliente un importo mensile fisso di 300 euro, per un massimo di 4 mesi.
  • Il rimborso delle utenze domiciliate*: in caso di perdita dell’impiego, di inabilità temporanea totale, di ricovero ospedaliero viene liquidato al cliente mensilmente, un importo pari a quello delle utenze addebitate sul conto corrente fino ad un massimo di 200 euro mensili, nel limite dei 4 mesi successivi all’accadimento del sinistro.