Conto corrente remunerato con canone fisso

di Fil 1

conto-corrente-remunerato-canone-fissoBanca Generali, istituto di credito controllato dal colosso assicurativo omonimo, propone un conto corrente che coniuga ai bassi costi la possibilità di ottenere una remunerazione sulla giacenza e fruire di tutti i classici servizi bancari associati all’utilizzo di un conto corrente; in più, il conto è ideale per chi è in possesso di asset finanziari e vuole metterli in pegno per ottenere un prestito a tassi molto contenuti. Il conto corrente si chiama “Active”, ed offre una remunerazione pari al 50% del tasso euribor ad un mese a fronte di un canone mensile molto contenuto e pari a 2,50 euro. Compresi nel canone ci sono le operazioni di scrittura in conto, illimitate, i prelevamenti con il Bancomat, che sono sempre gratuiti, le spese per i bonifici, inviabili in tutta Italia, e le spese per la liquidazione degli interessi.

Il conto è quindi ideale per chi effettua molte operazioni e, come accennato, volendo ottenere un fido garantito da pegno su titoli, il tasso offerto grazie al conto corrente “Active” è pari al massimo al tasso euribor ad un mese cui a aggiunto uno spread del 2%. Le spese per l’invio dell’estratto conto sono pari a 1,50 euro per invio, con cadenza trimestrale salvo scelta diversa da parte del cliente, mentre è di un euro il costo per l’invio delle comunicazioni di Legge in ottemperanza alla trasparenza bancaria.

Il conto corrente “Active” non prevede spese fisse di chiusura annuali, mentre è gratuito sia il servizio “Pronto Banca Generali”, sia il canone annuo della carta di credito “classic” se questa è la carta di credito principale, mentre quella aggiuntiva ha un canone annuo di 30,99 euro. Gratis è anche il Bancomat, mentre la carta Bancomat aggiuntiva costa otto euro, ma è allo stesso modo gratis nel caso in cui il correntista “Active” sia anche titolare di Cartasì. Per quanto riguarda i bonifici, sono gratis sia quelli con disposizione via Internet, sia attraverso il servizio  “Pronto Banca Generali”, mentre costano tre euro a bonifico se sono disposti tramite una succursale/promotore.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.