Tre consigli per investire nei prossimi mesi del 2014

di Sofia Martini Commenta

Oscillazioni dello spread e una crescita economica che continua ad essere negativa, nonostante il clima di ripresa, in alcuni paesi d'Europa, tra cui l'Italia. Ecco quali soluzioni adottare per i propri risparmi nei prossimi mesi.

138000947Qual è la situazione che attende gli investitori dell’area euro nei prossimi mesi del 2014? Quali sono le mosse migliori da compiere in questo periodo e in quello che si aprirà in seguito alla nuova politica intrapresa dalla Banca Centrale Europea, successivamente alla riunione del consiglio direttivo del 5 giugno 2014? 

Anche agli esperti di settore la situazione in questo momento per coloro che hanno investito i loro risparmi nella zona euro appare abbastanza confusa e non definita, a ragione di alcune vistose oscillazioni dello spread che si sono viste nelle ultime settimane e a ragione di quanto successo in occasione delle elezioni europee, che hanno portato, contro le aspettative una ventata positiva nei mercati.

E’ conveniente investire in fondi obbligazionari?

C’è però un dato con cui sarà necessario confrontarsi, che è quello di una crescita economica che continua ad essere negativa, nonostante il clima di ripresa, in alcuni paesi d’Europa, tra cui l’Italia, fenomeno che fa aumentare il cosiddetto premio di rischio.

È  conveniente investire in Bund nel 2014?

Ecco quindi tre diverse soluzioni per gestire il proprio risparmio nei prossimi mesi. L’aumento del premio di rischio insieme al mantenimento di tassi ufficiali sempre molto bassi potrebbe portare ad una sofferenza delle obbligazioni. Una soluzione alternativa potrebbe essere costituita dai titoli di stato a tasso variabile come i CCT.

L’ipotesi numero due potrebbe essere quella di realizzare la parte del proprio portafoglio dove si sono avuti i maggiori guadagni e tenere la liquidità in vista di tempi migliori.

L’ipotesi numero tre è invece quella di approfittare della correzione dei prezzi dei titoli azionari in borsa per aumentare il proprio profilo di rischio.