Tasso fisso con la cessione del quinto di BP Novara

di Roberto 1

La cessione del quinto di Banca Popolare di Novara è un particolare finanziamento destinato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, che prevede come modalità di restituzione delle rate quella della trattenuta degli importi nella busta paga, fino a naturale o anticipata estinzione del programma dei rimborsi.

Caratterizzato dalla modalità di pagamento di cui sopra, appare chiaro come questo finanziamento personale non possa che rivolgersi a coloro che risultano essere titolari di una busta paga (cioè, i lavoratori che intrattengono un rapporto di lavoro subordinato) o coloro che invece sono titolari di un cedolino pensione.

Attraverso tale prestito sarà possibile richiedere prestiti fino a un massimo di 50 mila euro. L’importo massimo richiedibile dipenderà dall’entità della retribuzione netta mensile percepita dal lavoratore dipendente o dal pensionato, che potrà indebitarsi mensilmente fino a un massimo del quinto della remunerazione disponibile.

Il tasso di interesse applicato al capitale oggetto di prestito sarà rigorosamente fisso. Di conseguenza, il piano di ammortamento sarà costituito da rate di entità certa e costante nel tempo, permettendo così al mutuatario di poter programmare al meglio il proprio equilibrio economico finanziario e quello dell’intero nucleo familiare.

Il programma di rimborso non potrà infine estendersi oltre i 10 anni. In ogni momento, inoltre, il cliente della Banca Popolare di Novara potrà procedere a operazioni di cessazione anticipata del proprio debito, attraverso un’operazione che verrà effettuata nei modi e nei termini stabiliti dal contratto sottoscritto con l’istituto di credito.

Ricordiamo infine che l’operazione non è soggetta alla prestazione di garanzie aggiuntive. È invece previsto l’abbinamento obbligatorio con una polizza assicurativa che tuteli il cliente contro i principali imprevisti che potrebbero comportare l’impossibilità di restituire regolarmente le rate del piano di ammortamento stipulato con la banca (es. invalidità totale o inabilità parziale conseguenti a infortuni), e costituito – come già ricordato – da soli importi costanti nel tempo.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.