Carte di credito, come evitare le truffe

di Sofia Martini Commenta

In Italia, ogni giorno, quaranta persone sono vittime di truffe sul credito. Vengono rubati i dati, le password dei conti online e puntalmente i risparmiatori vengono derubati.

Sul web, si sa, non sempre tutto fila ‘liscio’. Irregolarità e illegalità sono all’ordine del giorno, soprattutto quando si parla di soldi e strumenti informatici.

In altri termini, è opportuno rammentare che i raggiri sono sempre dietro l’angolo e sono sempre più sofisticate le tecniche per clonare le carte di credito.

Proprio durante i giorni scorsi, a Milano, un inglese e uno svedese in appena due giorni, hanno speso nelle boutique del quarilatero della moda a Milano circa 41mila dollari per orologi Rolex, gioielli Cartier, borse e portafogli Chanel, giubbini Moncler, scarpe Valentino ed altri prodotti griffati utilizzando sei carte di credito American Express clonate. Uno shopping sfrenato interrotto fortunatamente dagli agenti della polizia postale del capoluogo lombardo che li ha sorpresi in flagranza di reato, arrestandoli.

In Italia, ogni giorno, quaranta persone sono vittime di truffe sul credito. Vengono rubati i dati, le password dei conti online e puntalmente i risparmiatori vengono derubati. Tra i consigli più raccomandati c’è quello di non dare mai a chi abbiamo affidato i nostri investimenti per fare operazioni. Inoltre è meglio che siano iscritti all’albo e la loro iscrizione può essere facilmente verificato sul sito Apf.

Sostengono le associazioni di consumatori:

Un altro consiglio da seguire è quello sulle password sui dispositivi mobili con funzioni di blocco (quando rimangono incustoditi) e l’aggiornamento costante di software antivirus adeguati. Non solo in Internet, i pericoli si annidano anche nei luoghi che frequentiamo tutti i giorni, dal benzinaio, al centro commerciale o quei punti vendita che usano la banda magnetica e non il moderno chip che protegge dalle truffe. Codacons e Adusbef segnalano un incremento dei casi di clonazione negli ultimi mesi. Il consiglio è di portare sempre con sé il numero per il blocco della carta di credito, specie se si va all’estero. Scegliere poi l’attivazione della notifica via sms che avvisa in tempo reale ogni pagamento fatto con la carta di credito.