Carte di credito, Bancomat e prepagate: il denaro di plastica piace agli italiani

di Fil 1

Con un incremento del 4% rispetto al 2008, in Italia circolano circa 77 milioni di carte di pagamento tra carte di credito, carte revolving e carte prepagate. Questo è quanto emerge da un ultimissimo Rapporto dell’ABI, l’Associazione Bancaria Italiana, che ha fotografato nel nostro Paese il mercato dei sistemi di pagamento, ovverosia di quello che in gergo viene definito come il “denaro di plastica“. In particolare, è stata rilevata, con un +13%, una crescita boom delle carte prepagate, mentre quelle revolving segnano il passo con una contrazione del 6%. Nel complesso gli italiani preferiscono sempre di più la carta al contante per le spese quotidiane, ma anche per effettuare i prelievi presso gli sportelli Atm che sono ben 46 mila su tutto il territorio nazionale. Nell’arco di un anno ogni carta in media è stata utilizzata complessivamente per 36 volte, ovverosia una media di tre volte al mese; ma relativamente alle sole carte di credito la media annua di utilizzo è pari a 42 operazioni.

A fronte di una media per ogni scontrino pari a 83 euro, dal Rapporto dell’Associazione Bancaria Italiana è emerso come la spesa media, per singolo scontrino, sia più bassa per le carte prepagate e per il Bancomat con 75 e 76 euro, mentre per le carte di credito la spesa media per ogni singolo scontrino balza a 95 euro. Il dato è in linea con la tendenza che vede di norma gli italiani usare il Bancomat per le spese di importo medio/basso, e le carte di credito e/o le revolving per importi di spesa medio/alti.

Secondo quanto dichiarato da Giovanni Sabatini, il Direttore Generale dell’Associazione Bancaria Italiana, nel nostro Paese le carte di pagamento stanno registrando una diffusione sempre più ampia in virtù di un’offerta che è sempre più diversificata e che ha portato di recente anche alla nascita di strumenti di pagamento nuovi ed innovativi come le carte contactless e le carte conto, ovverosia quelle che, oltre ad essere delle prepagate, hanno anche l’Iban per poter effettuare le operazioni bancarie di base.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.