Conto Planet di Cariparma: money transfer a 5 €uro

di Moreno Commenta

salvadanaio1Recentissime pubblicazioni statistiche (risalenti a non più di due giorni or sono) ci hanno portato a conoscenza di un dato: gli italiani sono sempre, immutabilmente, 56 milioni, dacché il saldo delle nascite stornato del conto dei decessi dà sempre come risultato “zero”, o poco più o poco meno. Ma in Italia, ci hanno detto gli stessi dati, risiedono 60 milioni di persone. E i 4 milioni che fanno la differenza rispetto al dato “storico” ormai assodato? Provengono chiaramente tutti dalla pattuglia degli immigrati, molti dei quali – a smentire la favoletta dell’Italia razzista – si sono integrati nel contesto sociale, lavorano come tutti dovrebbero fare e pagano le tasse come tutti dovrebbero fare. Peccato che in pochi pensino a loro ed alle loro specifiche esigenze, specialmente in materia di risparmio.

Non così Cariparma, la Cassa di Risparmio emiliana appartenente al più grande gruppo bancario Crédit Agricole, il cui nome tradisce un’origine francese. L’istituto di credito emiliano, ha pronto per tutti gli immigrati in Italia il Conto Planet, con condizioni e caratteristiche studiate “ad hoc” per coloro i quali, sempre più spesso, lasciano molta parte della propria famiglia nel Paese d’origine per tentare la fortuna qui, e quando riescono nell’intento si preoccupano subito di aiutare i propri congiunti inviando loro denaro.

Conto Planet prevede l’abbattimento dei costi, essendo gli stessi gratis per i primi tre mesi, e Money Transfer (quindi trasferimenti di denaro dall’Italia ad un conto estero) a 5 €uro. Ma i vantaggi non finiscono certo qui, anzi vengono completati da una polizza assicurativa Europ Assistance che tutela il titolare del conto, dalla “gratuità” (virgolettata perché è vero che è gratuito, ma è tutto compreso nel canone) delle operazioni fino al numero di cento in un anno, dall’invio di un estratto conto trimestrale (così fan tutte). Con Conto Planet è inoltre possibile pagare le bollette con addebito automatico e vedersi accreditare lo stipendio dal proprio datore di lavoro. Un conto più completo di così…