Boom del car sharing in Italia, ma conoscete la polizza assicurativa?

di Daniele Pace Commenta

L’Associazione Italiana dei Broker di Assicurazioni ha messo in guardia gli automobilisti per quel che riguarda il fenomeno del carsharing, in vero e proprio boom negli ultimi anni. Secondo i risultati di un sondaggio del suo osservatorio, sono in pochi ad avere una conoscenza piena delle clausole assicurative che scattano per l’utilizzo di questi mezzi, e in troppi si ritrovano con brutte sorprese in caso di incidente. Inoltre queste variano a seconda della società di sharing prescelta, e quindi non possono essere specificate in modo univoco per tutti, ma gli automobilisti che decidono di fare sharing, devono assolutamente leggere quelli che sono i termini dei contratti n caso di incidente. A volte infatti, nel tentativo di risparmiare sullo sharing, si scelgono aziende che poi non coprono affatto i danni, in caso di incidente, con le loro polizze. Allora si è costretti a spendere soldi di tasca propria, vanificando il risparmio. Verificate quindi sempre le condizioni assicurative, prima di scegliere la vostra azienda di sharing. In Italia, il boom è molto più consistente che nel resto dell’Europa, probabilmente a causa delle disastrose condizioni del trasporto pubblico nel nostro paese. Se Parigi ha 1,17 veicoli in sharing, ogni 10 mila abitanti, Milano ne conta ben 15, per lo stesso numero di abitanti.