Bollettino Bankitalia: prestiti in aumento

di Daniele Pace Commenta

La piccola ripresa economica europea del 2016, segnalata dagli analisti, portano ad una piccola crescita dei prestiti, come segnalato ieri dal bollettino di Banca d'Italia.

La piccola ripresa economica europea del 2016, segnalata dagli analisti, portano ad una piccola crescita dei prestiti, come segnalato ieri dal bollettino di Banca d’Italia. Nell’ultimo trimestre disponibile, quello con fine a novembre, la crescita media per i prestiti alle famiglie è stata del 2,1%, mentre alle imprese del solo 0,3%. Questo è il dato più sconfortante, con le aziende in grandi difficoltà finanziarie. I prestiti al consumo invece sono aumentati del 2,7%. Ottime notizie per il tasso medio, che sui prestiti è sceso dello 0,1%, attestandosi sul 1,6%.

Ora l’Italia dovrà cercare di dar seguito a questa tendenza leggermente rialzista, e i clienti potrebbero sfruttare l’occasione offerta dalla BCE, che alla sua prima riunione dell’anno ha confermato di voler mantenere la stessa politica monetaria dell’anno passato. Il problema è che alcune banche hanno già aumentato i tassi, vogliose come sono di patrimonializzare i loro bilanci, e questo potrebbe rallentare il credito, se il governo non darà vita ad una politica di sviluppo economico per famiglie ed imprese. Il piccolo aumento dei prestiti del 2016, che vedeva comunque i mutui a fare la parte del leone con un +26% rispetto all’anno precedente, potrebbe essere sterilizzato anche dalle decisioni politico-economiche d’oltre oceano, per cui alcuni analisti sono preoccupati da un eccessivo protezionismo USA e dalla guerra valutaria che potrebbe far oscillare i tassi dei prestiti.