Aumentano ancora le sofferenze bancarie in Italia

di Sofia Martini Commenta

A partire dal 2015, inoltre, le banche prevedono un aumento dei prestiti erogati senza una busta paga, come ad esempio quelli cambializzati, prodotti che potrebbero far crescere ancora il loro livello.

Banca_dItalia logoLa richiesta di un prestito ad un istituto di credito è una operazione che viene oggi vista dalle banche italiane come molto più rischiosa rispetto al passato. Continuano infatti ad aumentare le sofferenze bancarie e per questo le banche e gli intermediari del credito non sono così propensi ad erogare liquidità. Nel mese di novembre 2014 le sofferenze bancarie italiane sono infatti aumentate ancora rispetto al mese precedente e sono arrivate a toccare i 181 miliardi di euro in totale. 

Aumentano le sofferenze bancarie a novembre 2014 secondo Bankitalia

Ma quali sono le componenti che maggiormente sono state messe in crisi dal problema dei crediti difficili? Da quale comparto sociale vengono prodotte e accumulate tali sofferenze?

Sofferenze bancarie in decisivo aumento nel 2014

Le sofferenze bancarie, infatti, non insistono tutte sulla stessa categoria di creditori, ma sono distribuite tra queste sulla base delle motivazioni che le hanno generate. Ed ecco quale è la fotografia scattata dagli esperti di settore.

Il 16 per cento delle sofferenze rispetto agli impieghi è proprio dei piccoli operatori economici, il 15,9 per cento è proprio delle imprese e solo il 6 per cento delle famiglie italiane consumatrici. Anche le sofferenze nette in questo ultimo periodo hanno subito un incremento, raggiungendo nel mese di ottobre 2014 il 4,61 per cento degli impieghi, per un totale di 84,8 miliardi di euro.
A partire dal 2015, inoltre, le banche prevedono un aumento dei prestiti erogati senza una busta paga, come ad esempio quelli cambializzati. Questi prestiti vengono erogati dalle società di credito senza la presentazione di garanzie, ma attraverso delle cambiali che devono essere pagate a scadenza e potrebbero far innalzare ancora il loro livello.