Assicurazioni estere in Italia

di Daniele Pace Commenta

Se vi state chiedendo se è possibile circolare con una polizza non italiana, la risposta è si.

Con la globalizzazione, non è stato risparmiato il mercato delle RCA, per tanto, se vi state chiedendo se è possibile circolare con una polizza non italiana, la risposta è si. Tale possibilità dunque, è legale, e sono moltissime le persone che optano per una assicurazione estera, anche se sono diverse le cose da sapere a riguardo prima di intraprendere questa strada. Come prima cosa, se decide per una RCA estera, dovrete subito accertarvi che questa sia legittima, ovvero regolarmente autorizzata dall’IVASS, Istituto per la Vigilanza Assicurativa. Le compagnie autorizzate, sono quelle che operando nel nostro territorio, si sono adeguate alle norme ed alle condizioni che prevede l’Italia per gli assicurati, come i massimali e le variabili che conferiscono il calcolo del premio assicurativo come regione di residenza, età ecc… Tutto questo, serve a garantire la giusta concorrenza tra le varie compagnie assicurative, e garantire soprattutto il cittadino che decide di circolare nel nostro paese con una polizza estera. Inoltre, è importante sapere, che non tutte le assicurazioni estere operano sul nostro territorio nella stessa maniera. Esse si distinguono principalmente in:

1. Imprese operanti in stabilimento (operanti in Italia con sede in Italia)

2. Imprese in Libera Prestazione di Servizio

Per queste ultime, deve essere obbligatoriamente indicato il rappresentante per la gestione di sinistri per le imprese operanti in LPS.