I controlli più capillari da parte delle forze dell'ordine, hanno permesso di individuare i veicoli senza assicurazione

Quando si gira per la strada con il proprio autoveicolo non munito del tagliando di assicurazione, si è soggetti, nel caso di un controllo da parte delle forze dell’ordine, ad una sanzione. Ma la cosa si fa più grave se invece si circola per la strada senza aver pagato l’ assicurazione.
Oggi giorno, con l’aumentare di controlli delle forze di polizia, è diminuita la presenza di veicoli che viaggiano senza la copertura assicurativa come dimostra il caso della provincia di Asti che ha registrato una netta diminuzione di questo genere di infrazioni.
Tra il 2013 e il 2014, nella zona di Asti, il numero dei veicoli in circolazione senza assicurazione aveva raggiunto il picco massimo e le autorità hanno stimato la costante ascesa del fenomeno. Adesso, invece, sembra ci sia un’inversione di tendenza e a dirlo è la polizia stradale.

>Polizza Rc Auto in forte aumento per le neopatentate

Nei primi sei mesi del 2013, infatti ad Asti e in tutta la provincia, erano stati sequestrati ben 89 veicoli senza contrassegno assicurativo. Nel 2014, al contrario, gli automezzi fermati e trovati in possesso delle stesse caratteristiche sono stati soltanto 54. In realtà il cambiamento di tendenza sembra legato alla decisione del Compatimento regionale di Torino che in tutto il Piemonte ha lanciato una campagna contro la guida dell’auto senza assicurazione.

In tutto il Piemonte, dall’inizio dell’anno la Polstrada ha registrato 1648 violazioni: vale a dire veicoli senza RC, pericolosi in caso di incidente. Per capire l’entità economica dell’operazione si deve dire che i veicoli in circolazione o in sosta che non hanno l’assicurazione sono sottoposti a sequestro amministrativo. I proprietari, in più, devono pagare una multa che va 841 a 3366 euro e se il conducente dichiara di non pagare le spese per trasporto e deposito scatta anche la sospensione di un mese della patente.