Alluvione in Veneto: prestiti agevolati da banca Antonveneta

di Laura 2

L’alluvione ha fatto enormi danni al Veneto: tantissimi gli sfollati, città allagate, migliaia di ettari di terreno ancora sott’acqua, aziende distrutte e bestiame che non ce l’ha fatta. Sono andati persi interi raccolti tra cui coltivazioni di ortaggi e distrutte serre e fungaie, con perdite complessive che secondo le prime stime ammontano a decine di milioni di euro. Il governo ha annunciato di aver stanziato 300 milioni e mutui sospesi per chi ha avuto la casa allagata o lesionata. A sostenere la ripresa della regione arrivano anche le banche tra cui menzioniamo oggi Banca Antonveneta (Gruppo Montepaschi) che ha approvato una serie di iniziative di natura finanziaria per sostenere le popolazioni del Veneto e del Friuli colpite dall’alluvione.

Si tratta di strumenti e agevolazioni riservati a famiglie e aziende residenti nella zona, alle prese con i danni: Banca Antonveneta ha stanziato un plafond di 100 milioni di euro, mediante l’iniziativa ‘Insieme per ricostruire’, la quale prevede la concessione di finanziamenti a tassi agevolati a privati e imprese del territorio, con durate e forme tecniche variabili in base alla finalità dell’utilizzo. Nel frattempo, il governatore del Veneto Luca Zaia ha sottolineato che per il momento, ai 121 comuni alluvionati sono giunti circa 2 milioni di euro e il governo ha promesso di stanziarne subito 20.

Venti milioni sono insufficienti per le prime necessità delle popolazioni che hanno subìto l’alluvione – ha sottolineato il presidente della Confcommercio vicentina Sergio Rebecca -. Secondo una nostra prima stima, i danni materiali subiti solo dalle attività del terziario ammontano a circa 39 milioni. Nel solo comune di Vicenza 273 attività legate a commercio e ricezione ne hanno per circa 22 milioni. Almeno 38 le attività colpite nel comune di Caldogno con danni per 12 milioni e, fra Longare, Montebello, Marostica, Altissimo e Torrebelvicino, una stima di 5 milioni per la perdita di merce, attrezzature, mobili e mezzi di trasporto.

Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.