Alcune offerte di conti deposito senza imposta di bollo anche nel 2014

di Sofia Martini Commenta

154141152A partire dal 1 gennaio 2014, sulla base di quanto previsto dal disegno di legge della Legge di Stabilità finanziaria per il prossimo anno, l’imposta di bollo relativa ai conti deposito aumenterà di circa il 10%, passando dall’1,5 per mille al 2 per mille. 

> Come evitare l’aumento dell’imposta di bollo sui prodotti finanziari

Di conseguenza, le spese relative alle somme investite in conti deposito potrebbero tendere ad aumentare e contemporaneamente potrebbe invece ridursi la parte attesa dai risparmiatori come rendimento.

Per coloro che avessero quindi intenzione di continuare ad investire in conti deposito, dal momento che probabilmente anche il testo definitivo della Legge di Stabilità conterrà la norma sulla modifica della tassazione, una possibilità per risparmiare sui costi è quella di scegliere un conto deposito senza imposta di bollo.

Come evitare l’aumento dell’imposta di bollo sui prodotti finanziari –  II

Molte banche e istituti di credito offrono infatti ai loro clienti la gratuità delle spese per l’imposta di bollo sull’invio delle rendicontazioni periodiche. In questo post troverete quindi una lista delle offerte presenti al momento che propongono ai clienti zero spese per l’imposta di bollo, dal momento che la banca stessa se ne assume l’onere, o per sempre o in modalità temporanea:

  • Conto Arancio di ING Direct
  • Conto Deposito IW Power Special di IW Bank
  • Conto deposito YouBanking di Banco Popolare
  • Conto deposito SuIBL di IBL Banca
  • Conto deposito Eurodeposit di PrivatBank
  • Conto deposito BccForWeb di Banca di Credito Cooperativo
  • Conto deposito Rendimax di Banca IFIS
  • Conto Deposito SiConto di la Banca Sistema
  • Conto Deposito di Banca Findomestic.

E’ possibile, tuttavia, che nei prossimi mesi, una volta introdotta la legge di Stabilità, l’offerta per i conti deposito senza spese si riduca ulteriormente.