Sviluppo Lazio: aiuti alle imprese

di Fil 4

finanziamenti-pmiIl Lazio, rispetto alle altre Regioni italiane, ha retto meglio alla difficile congiuntura, con il sistema produttivo che, in particolare, ha retto all’urto della crisi anche grazie alle politiche di sostegno e di aiuti alle imprese attraverso Sviluppo Lazio, la holding della Regione che nel triennio 2006-2009 ha destinato risorse per le piccole e medie imprese per complessivi 200 milioni di euro circa. La dote risulta in forte incremento se si considera che nel periodo 2001-2005 per il credito e per le politiche di settore, in accordo con quanto dichiarato da Esterino Montino, vicepresidente della Regione Lazio, sono stati stanziati “solo” 68 milioni di euro a fronte invece dei quasi 70 milioni di euro messi sul piatto solamente nell’anno 2009. Gli interventi hanno permesso al sistema imprenditoriale laziale di fronteggiare la crisi e di avere ora un approccio decisamente più orientato all’ottimismo in vista della ripresa.

Il presidente di Sviluppo Lazio, Elia Valori, ha in particolare posto l’accento sull’importanza che, tra gli interventi realizzati, ha avuto per le piccole e medie imprese il “Fondo rotativo per credito agevolato”; basti pensare che solo per il bando 2009, chiusosi nello scorso mese di dicembre, sono state presentate quasi settecento domande, il che ha comportato l’esaurimento delle disponibilità del Fondo a valere sulle risorse stanziate sia da Sviluppo Lazio, sia da Banca Impresa Lazio.

Lo scorso anno sono stati ben sette i Bandi finalizzati a salvaguardare i livelli di competitività di settori chiave per l’economia regionale come quello della ceramica, dell’audiovisivo e della carta, così come sono state stanziate risorse per la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile, tra l’altro, anche attraverso risorse che sono arrivate ai Comuni di Frosinone e di Roma per l’acquisto di veicoli elettrici. Completano il quadro degli interventi di Sviluppo Lazio i 30 milioni di euro stanziati per i mutui agevolati riservati alle giovani coppie, e per gli inquilini al fine di passare dalla casa in affitto all’acquisto vero e proprio riguardo ad unità immobiliari possedute da enti privati o previdenziali.

Commenti (4)

I commenti sono disabilitati.